La pietra calcare tenera come pietra da taglio è stata protagonista nella ricostruzione della Sicilia Orientale dopo il terremoto del 1693, di colore giallo-dorato, è stata impiegata per i più svariati usi, dalla costruzione di elementi portanti (murature a faccia vista, archi, volte ecc.) agli elementi decorativi (capitelli, mascheroni, fontane, scale, mensole, ecc.) grazie alla facilità di lavorazione e alle buone qualità fisico-meccaniche.

I muri a secco in pietra dura creano spazi armoniosi nei giardini, calandosi in maniera perfetta nell’ambiente mediterraneo. In particolar modo i manufatti con lavorazione “a spacco”. Infinite soluzioni possono essere realizzare, a costi relativamente contenuti.

La Pietra di Modica, per le sue caratteristiche di durezza non era facilmente lavorabile e quindi poco impiegata. Oggi grazie all’utilizzo di moderne attrezzature, la si usa per rivestimenti, elementi di arredo urbano, panchine, fioriere, pavimentazioni, zoccolatura, oltre alle realizzazioni in combinazione con altri tipi di pietra.

La Pietra Pece, comunemente chiamata oro nero, tipica del barocco ibleo da secoli viene utilizzata per pavimentazioni di chiese e abitazioni di uso civile, scale, decorazioni di altari, balconi, capitelli, fontane, colonne, pietra litografica per diversi ed altri impieghi.

Per l’arredo interno talvolta, come per quello esterno, si può ricorrere all’utilizzo di diversi materiali, combinandoli armoniosamente tra di loro.